Stacking di foto macroMacro photo Stacking

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Oggi mi sono cimentato nello stacking di foto e nella successiva post produzione.

Ditemi un pò che ve ne pare. Le prime 2 immagini, i gerani e la level-11,  sono state riprese pensando di fare poi stacking.

Quindi ho fatto:

Today I have tried in the stacking of photos and subsequent post-production.

Tell me a little bit what do you think. The first two images, the geraniums and the level-11, were taken to thinking then stacking.

So I did:

  • between the 5 and 7 shots,
  • manual focus with live view and your finger ready on the zoom to focus exactly where you want
  • plane of focus gradually farther on each shot
  • camera (my Nikon D5000) mounted on a tripod
  • macro lens … well, do not I have, so I used my 35/1.8 AF-S with two close-up lenses X3 and X2
  • Shooting with wireless remote control
  • exposure postponed (raises the mirror a second before and avoids micro moved)

Then I reassembled everything in post production. I refrained from altering the image, trying as much as possible not to introduce artificiality. So only intervention was to align the shots and then automatically blend that selects the parts in focus.

(Thanks Alberto Lanzillotti)

  • tra i 5 e i 7 scatti,
  • focus manuale con il live view e il dito pronto sullo zoom per mettere a fuoco esattamente dove si vuole
  • piano di messa a fuoco via via più lontano su ogni scatto
  • fotocamera (la mia Nikon D5000) montata su cavalletto
  • obiettivo macro … bhè, non ce lo ho, quindi ho usato il mio AF-S 35/1.8 con 2 lenti close-up X3 e X2
  • scatto con comando remoto wireless
  • esposizione posticipata (alza lo specchio un secondo prima e evita micro mosso)


Poi ho ricomposto tutto in post produzione. Ho evitato di alterare l’immagine, cercando per quanto possibile di non introdurre artificiosità. Quindi unico intervento è stato allineare gli scatti e poi il blend automatico che seleziona le parti più a fuoco.

(Grazie Alberto Lanzillotti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *